New York

Ecco un paio di tips per chi volesse seguire l’itinerario che ho pubblicato SU New York (per il diario vedi “Racconti di Viaggio”).

  • Consiglio di prenotare il Transfer on line: oltre alla compagnia che abbiamo utilizzato noi (www.goairlinkshuttle.com), ce ne sono diverse a prezzi più o meno simili (circa 40 $ per andata e ritorno) la cui comodità principale è di lasciarti esattamente di fronte al proprio hotel.
  • Per chi visita solo New York come ho fatto io, trovo che il City Pass sia essenziale: è vero che non sembra particolarmente economico, ma ha davvero tantissime attrazioni incluse, specialmente se si è interessati alle visite dei musei che di fatto hanno dei costi singoli parecchio alti (Metropolitan museum: 25 $; Empire State Building: 27$)
  • Per chi è invece in stop-over verso un’altra destinazione o l’ha inclusa in tour più lungo come un coast to coast, avendo quindi solo un paio di giorni, ecco cosa non dovete perdere:
    • Tour Statua della Libertà + Ellis Island
    • 5° strada
    • Rockfeller Center e Top of the Rock (lo consiglio rispetto alla salita sull’Empire)
    • Tour della baia in Water taxi
    • Ground Zero
    • Central Park (almeno fino al laghetto del Bow Bridge)
    • Times Square e passeggiata sulla Broadway
  • Essendoci tanti monumenti e zone famose visitabili dall’esterno, non è una cattiva idea, per chi ha poco tempo, quella di fare il giro completo di un Hop on – Hop off Sightseeing tour. Almeno per quanto riguarda la Lower Manhattan
  • Ricordate che per visitare Ground Zero è necessario registrarsi sul loro sito e prenotare in anticipo. Presentando la stampa della prenotazione all’ingresso (www.911memorial.org)
  • Anche se non ho avuto occasione, dato anche il prezzo dei biglietti abbastanza caro, consiglio di includere uno spettacolo a Broadway (prenotazioni in anticipo)
  • Chi invece vuol prendere parte ad uno show gratuitamente, può prenotarsi da casa (con mooooolto anticipo) al David Letterman show, il famoso talk show americano
  • Non scartate l’idea di acquistare dei pacchetti con siti come Groupon, io, grazie a loro, ho potuto sperimentare locali di livello un po’ più alto rispetto ai classici per turisti, senza spendere una fortuna
  • Non ho indicato i giorni di chiusura dei monumenti perché sono sempre aperti (a parte qualche festa come il 25 dicembre). Gli orari invece sono quasi tutti 10-17/18 per i musei, mentre i grattacieli sono aperti anche fino alle 22.00 e le chiese aprono in genere prima delle 08.00 del mattino
  • Parlate con la gente:  i newyorkesi e, più in generale gli americani, hanno un modo di fare molto socievole ed educato. Dal ragazzo degli hot dog al commesso di Tiffany, vi può capitare una chiacchierata o uno scambio di battute. Apprezzatelo: anche questo è America !

Leave a Reply

Powered by WordPress | Designed by: buy backlinks | Thanks to webdesign berlin, House Plans and voucher codes