Amsterdam

Ecco un paio di tips; per chi volesse seguire l’itinerario che ho pubblicato. (Vedi “Racconti di Viaggio”)

  • Cercate di strutturare le vostre visite con un andamento ‘a spirale’ almeno per la cintura dei canali: prendete Piazza Dam o, meglio, il palazzo della Borsa come centro e, partendo dal cuore, quindi dal quartiere a luci rosse, proseguite le vostre visite lasciando i canali più esterni per ultimi. Questo per risparmiare tempo nelle Vostre visite
  • Come tutte le città del Nord Europa la maggior parte di musei e monumenti chiudono alle 17. Lasciate la Casa di Anna Frank e il Museo del sesso da visitare a fine giornata dato che sono alcuni dei pochi che chiudono verso le 21.00
  • Avete meno tempo o non siete così interessati a tutto ? Ecco cosa non dovete perdere:
    • Quartirere a Luci Rosse e la Oude Kerk
    • Amstelkring o Museo della chiesa nascosta
    • Casa di Anna Frank
    • Museo Van Gogh
    • Casa di Rembrandt
    • Tour dei canali in battello
  • Il tour dei canali può essere acquistato in loco o in anticipo on line. Ci sono moltissime compagnie: io ho scelto la Blue Boat per poter fare un tour al tramonto (blueboat.nl ), ma se non avete problemi di orario direi che una vale l’altra.
  • Nel caso prenotiate da casa il transfer dall’aeroporto al vostro hotel con la compagnia che ho usato io (schipholhotelshuttle.nl ), tenete presente che non sono indicati tutti gli hotel. Il modo migliore è quello di indicare un hotel presente nella loro lista non distante dal vostro. Se non vi viene accettata la prenotazione è perché, probabilmente, l’hotel che avete scelto è su una strada a senso unico che non permette allo shuttle di arrivare agevolmente. In questo caso variate l’hotel selezionato e riprovate
  • Se avete un pochino di tempo in più approfittate per una visita ad una casa produttrice di specialità locali: una degustazione di formaggi, la Heineken Experience o la House of Bols. Le visite possono essere prenotate in anticipo. Hanno costi variabili tra i 15 e i 20 € a testa e sono tutte in centro o negli immediati dintorni. Vale la pena: oltre ad avvicinarsi alle modalità di produzione avrete l’occasione di degustare prodotti tipici doc !
  • Se siete amanti delle cucine locali come me, per questa volta potete ‘sgarrare’ e provare anche ristoranti di cucine etniche differenti: la cucina olandese è abbastanza povera e poco varia, quindi forse un buon menu messicano o indiano può dare più soddisfazione, senza contare la cucina indonesiana che, a modo suo, è considerata tipica dagli olandesi grazie alle loro colonie.
  • Se infine avete la fortuna di visitare la città nel mese di Aprile (ed avete mezza giornata da impiegare), non perdetevi il parco del Keukenhof. Dal centro ci si arriva in autobus (con un cambio a Schiphol) in poco più di un’ora. Lo consiglio in particolare a chi dovesse trovarsi in zona intorno al 20 del mese: il parco apre a fine marzo, ma ai primi di Aprile si rischia di vederlo fiorito per metà e, per quanto sia bello, perdereste quell’incredibile caleidoscopio di colori che solo con tulipani, giacinti, narcisi e crochi fioriti tutti insieme si può ammirare. E’ possibile comprare in anticipo il pacchetto bus+ingresso per 29.00 € (keukenhof.nl)

Comments are closed.

Powered by WordPress | Designed by: buy backlinks | Thanks to webdesign berlin, House Plans and voucher codes